Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla Newsletter e rimani aggiornato sui viaggi di Ermanno!

Gruppo di Acquisto Batterie al Litio LifePo4 | Litio-Ferro-Fosfato

Ci siamo! Se sei arrivato a questa pagina è perché, con ogni probabilità, hai aderito a uno dei Gruppi di Acquisto batterie al litio per camper lanciato dal blog di Ermanno e su vari gruppi Facebook. Bene, sono contento di annunciarti che è arrivato il momento di passare dalle parole ai fatti. In questa sezione riservata del sito, raggiungibile solo da link condivisi per newsletter (detto altrimenti, salvatela fra i preferiti del browser se lo ritieni opportuno), ho pensato di pubblicare una prima panoramica globale con le informazioni salienti e la road map prevista. Le cose da dire sono tantissime , i dubbi anche, ma niente paura: da questa pagina potrete rispondere a moltissime domande su configurazione dell’impianto, dispositivi necessari, esempi di impianti funzionanti e così via. Il consiglio come sempre è quello di prendersi il tempo necessario per valutare bene la convenienza di passare alle batterie al litio, al di là degli stereotipi, dei PREgiudizi e delle voci di corridoio di chi queste batterie le ha solo studiate ma, di fatto, non le ha mai testate.  Cominciamo!

Innanzittuto grazie della partecipazione. Mai avrei pensato che l’iniziativa potesse riscuotere tanto apprezzamento. Faremo in modo di non deludervi, ricordo in ogni caso che NON rappresento un’aziende, nel caso di questo gruppo siamo un padre appassionato viaggiatore con due bambini piccoli (il sottoscritto) e un ragazzo ancora più giovane di me che ha avuto l’intuizione (e direi anche la fortuna, visto il momento) di trovare un’impresa cinese specializzata nella produzione di batterie al litio del tipo LiFePo4 (le migliori, poi vedremo perché) e importare questi prodotti in Italia. Ho conosciuto navigando sul web Gabriele, il “visionario” dietro questo progetto di import, e gli ho semplicemente proposto di essere il nostro fornitore. Da qui è nato tutto il resto, compresa l’intervista che a breve vi girerò via newsletter. Veniamo a noi. Ci sono tonnellate di argomenti da affrontare, andiamo con ordine e vediamo il grosso, poi ripeto, email per email arriveremo al dunque.

Le batterie al litio LiFePO4: info generali

Le batterie che ho individuato per il gruppo di acquisto sono batterie “al litio”, un termine che include svariate tipologie di “sistemi”. Nel nostro caso Gabriele importa batterie al litio-ferro-fosfato (o LiFePO4), considerate da più parti le migliori in assoluto (fermo restando che la tecnologia sta cambiando alla velocità della luce, ma per ora si tratta del top di gamma). Le differenze con le altre “batterie al litio” sono molteplici. Ma perché sono le migliori? Per svariate ragioni che puoi approfondire tu stesso in questi articoli che ti segnalo:

Le tabelle comparative disponibili sul web si sprecano, una su tutte potrebbe essere proprio quella della pagina dedicata su Wikipedia:

Tabella comparativa batterie

Come vedete parliamo di un prodotto di qualità decisamente superiore sotto tutti i punti di vista. Si parla molto di sicurezza: bene, da questa tabella e da tutte le tabelle affidabili troverete che la sicurezza delle LiFePo4 è la più alta. Anche perché, nel nostro caso, non abbiamo semplici batterie grezze da assemblare (come spesso si legge in siti da acquisto compulsivo tipo Alibaba o Amazon), ma batterie che oltre ad avere la “forma” e l’aspetto delle tradizionali batterie AGM, vantano anche al loro interno il BMS, una sorta di centralina (Battery Management System è il termine corretto) per gestire quella che di fatto non è una semplice batteria ma un accumulatore sofisticato. Il BMS delle batterie cinesi acquistate da Gabriele evita qualunque situazione di rischio, tipo surriscaldamento, scarica eccessiva e così via. Per chi volesse approfondire, a questo link potete leggere una breve scheda di un’azienda di Como sul Battery Management System (non il nostro, ma è per capire di cosa parliamo).

BMS Batterie al litio

Tipologie di batterie acquistabili con il gruppo

Le batterie vendute da Gabriele vanno da 50 Ah minimo a 250 Ah massimo (oltre a batterie personalizzabili). Perché questo? Per un discorso di pagamento dei dazi, per cui sotto i 30 kg l’azienda che spedisce dalla Cina NON paga i dazi per inviare il prodotto in Europa (i magazzini si trovano in Francia e Germania, e da qui le batterie entrano in Italia). La batteria da 250 Ah pesa 27 kg (niente!!) e questo spiega perché non conviene ordinare batterie di peso e capacità superiore.  Va da sé che qualunque calcolo relativo al prezzo va fatto in base a considerazioni come l’autonomia, la durata, il peso ridotto, l’ingombro minimo, il tempo di carica inferiore… Tanto per dirne una, se non lo sapete, le batterie AGM a “scarica profonda” decantate da rivenditori e negozi di accessori camper possono essere scaricate fino al 40-50% massimo, pena lo stress eccessivo e la perdita delle performance del prodotto. Le batterie LiFePo4 le potete scaricare al 90% (c’è chi dice anche al 100%) senza stressarle, questo significa che, dal solo punto di vista dell’autonomia garantita:

1 batteria al litio LiFePo4  da 100 Ah = 2 batterie AGM da 100 Ah l’una!

Considerate poi che Gabriele, rispetto ai prezzi che si trovano online, ci assicura un listino veramente basso, quasi la metà di quanto si trova attualmente sul mercato italiano di pari qualità. Ecco qui qualche prezzo verificabile da chiunque:

Batteria LiFePo4 Relion 100Ah-12V

Batterie Litio Ferro Fosfato (LIFEPO4) per 12V 100Ah

Batteria LITIO-FERRO-FOSFATO 12V 100Ah

Non so come se le passano le vostre finanze, ma dal mio budget siamo ben distanti! Senza sbilanciarmi troppo, posso dirvi già ora che i prezzi di Gabriele per il Gruppo di Acquisto sono pari alla metà circa (dipende dal paragone) rispetto a quelli elencati sopra. E ora la domanda delle domande: ma perché non ci dici il costo esatto e la facciamo finita? Giusto, sacrosanto… e prematuro. Ci sono almeno due ottime ragioni per cui sarebbe azzardato valutare subito l’acquisto in base al solo costo.

1) dire un prezzo subito senza approfondire il tema potrebbe portare alcuni a dire “caspita, troppo alto, ma scherziamo?”, o altri a dire “uhm… davvero troppo basso, ci sarà qualcosa sotto?”. Esagero, ma immagino abbiate capito. E’ un po’ come entrare in un museo di arte contemporanea senza alcuna preparazione. In linea di massima usciremo pensando “Bè, iero bon anca mi” (in Veneto “Potevo farlo anch’io”).

2) voglio che tutti siano ben consapevoli di cosa stanno acquistando. Non parliamo di zaini da trekking ma di un prodotto che richiede molta attenzione e, d’altro canto, ha il potere di cambiare radicalmente il vostro approccio al viaggio on the road e alla sosta libera. Restano ovviamente ancora molti punti da chiarire. Lo farò nelle FAQ in fondo alla pagina.

Collegamento in serie e in parallelo

Le batterie LiFePo4 vendute da Gabriele possono essere collegate in serie o in parallelo. Nel primo caso il numero massimo di batterie risulta essere di quattro unità, per un totale di 48 volt. Nel secondo caso, in parallelo, le batterie arrivano a un totale di dieci unità, ma penso che anche a metterne di meno abbiate energia sufficiente! Le considerazioni sul collegamento in serie o in parallelo dipendono anche qui da molteplici fattori, inclusa la compatibilità con i dispositivi di ricarica. Tanto per fare un esempio, alcuni regolatori di carica funzionano supportano due batterie SOLO se queste sono in parallelo, motivo per cui bisognerà orientarsi su questa soluzione. Semmai voleste “personalizzare” la batteria con modelli su misura, è possibile farlo chiedendo direttamente info a Gabriele. Segnalo in questo articolo alcune risorse per passare dalle AGM alle LiFePo4 trovate online con foto e video di impianti reali e funzionanti per camper e roulotte.

Road Map Gruppo di Acquisto

  1. Giorno 0: Apertura ufficiale del gruppo per conoscerci e aprire le danze (questa prima email che hai ricevuto e che ti ha portato fin qui)
  2. Giorno 10: Invio codici sconto e condizioni per l’acquisto dei prodotti
  3. Giorno 30: Raccolta eventuali feedback e videorecensione
  4. Giorno 50: Video di test – per chi fosse curioso – sull’impianto al litio

LA PRESENTE ROAD MAP POTREBBE SUBIRE VARIAZIONI SENZA PREAVVISO, A VOI ISCRITTI INVIEREMO SEMPRE IN OGNI CASO AGGIORNAMENTI TRAMITE EMAIL!

La batteria da 100 Ah al litio dell'azienda cinese di Gabriele

FAQ Gruppo di Acquisto e Batterie al Litio

E ora veniamo a un po’ di domande che, immagino, vi state tenendo dentro da un pezzo!

1) Posso sostituire le mie AGM del mio camper con le batterie al litio LiFePo4?

Ni. Sebbene alcuni abbiano deciso di passare alle LiFePo4 senza troppi accorgimenti, è chiaro che una ricarica da dispositivi NON compatibili può pregiudicare a lungo andare l’efficienza e la vita delle batterie al litio. Tenete conto anche di un’altra cosa: il BMS di queste batterie è in grado di sopportare fino a 50 ampere di ricarica prima di staccare. Ciò vuol dire che in poche ore potrete ricaricare la vostra batteria da zero, purché abbiate regolatori e dispositivi in grado di erogare una certa quantità di carica. Detto altrimenti, usando dispositivi “normali” potreste perdere il beneficio della ricarica veloce, peculiarità e punto di forza delle batterie al litio. Esistono poi condizioni e parametri ben precisi da rispettare:

Prima condizione: il caricatore deve erogare la giusta intensità di corrente, per cui rimanere nella soglia compresa fra 14,2 e 14,8 volt di tensione. Se questo non avviene la batterie al litio non si danneggia, ma NON viene ricaricata.

Seconda condizione: per una ricarica ottimale occorre impostare (ove possibile) il caricabatterie / alternatore / regolatore di carica in modo che la carica parta anche sotto la tensione minima delle normali batterie AGM / piombo. Questo è spiegato nel video in dettaglio, di fatto succede che se utilizzate un caricabatterie / alternatore / regolatore di carica tradizionale settato sulle batterie che usiamo tutti, questo potrebbe attivarsi ogni volta che la batteria arriva alla soglia di tensione minima impostata (11,2 di solito). Visto che le batterie al litio possono arrivare a 10 volt circa, capite che di fatto non utilizzereste il 90% di scarica ma solo il 50%-60%. Anche qui la batteria al litio NON si rovina, semplicemente viene ricaricata più spesso.

Terza condizione: di tanto in tanto le celle delle batterie al litio vanno bilanciate, operazione che un normale caricabatterie / alternatore / regolatore di carica non fa. Gabriele vende, oltre alle batterie, anche dei caricabatterie appositi. Qualora non voleste adoperare dei dispositivi progettati per le batterie al litio, basterà di tanto in tanto ricordarsi di caricare con il caricabatterie in dotazione e in questo modo ottenere il perfetto bilanciamento delle celle.

Si può in alternativa rivedere l’impianto senza troppi costi con alcuni dispositivi appositi compatibili con la carica e la gestione delle batterie al litio. Le opzioni principali sono spiegate nell’articolo Impianto batterie al litio: 3 possibili configurazioni, aggiornato al 21 marzo 2019. VI CONSIGLIO DI LEGGERLO MOLTO MOLTO MOLTO BENE!

2) A chi posso rivolgermi per montare le batterie al litio?

Se possiedi le dovute competenze puoi montare le batterie anche da solo, ma è chiaro che da un’officina specializzata corri (si spera) meno rischi. Per agevolare i possessori di camper come te, abbiamo stipulato un accordo con l’officina La casa dello pneumatico a Bologna. Qui lavora un amico fulltimer, tale Andrea Pancaldi, che mi ha già aiutato con l’installazione del precedente impianto e della nuova batteria Enola Gay al litio da 250 ah. Nel sito trovate tutti i riferimenti per mettervi in contatto con la titolare Fabiana e accordarvi per un appuntamento.

3) Se vedo che il prodotto non è di mio gradimento posso restituirlo?

Certamente. La restituzione sarà gratuita a cura della società di Gabriele entro 14 giorni dalla ricezione del prodotto, ovviamente mantenendo confezione e integrità delle batterie.

4) Le batterie sono coperte da garanzia?

Sì per due anni. Notare che non vi interfaccerete con l’azienda cinese, rischiando di rispedire al mittente e pagare i dazi doganali, bensì con Gabriele, italiano con sede e partita IVA in Italia. Se volete che i giovani rimangano nel nostro paese… bè, credete in loro!

5) Il prezzo sarà comprensivo di IVA?

Non solo: il prezzo di Gabriele comprenderà IVA, spedizione, garanzia di 2 anni e dazi doganali, valori aggiunti che su Alibaba ve li sognate!

6) Come è possibile che non vengano pagati dazi?

Non è che non vengono pagati dazi. Le batterie, in realtà, sono spedite dal produttore ai magazzini in Francia e Germania, da qui entrano in Italia con corriere UPS. Fino a 30 kg non si paga nulla, viceversa con spedizione navale i costi aumenterebbero enormemente (motivo per cui, sospetto, gli altri venditori italiani viaggiano sui 1.000 euro per 100 ah, noi sulla metà!).

7) Quale sarà lo sconto riservato al Gruppo di Acquisto?

Rispetto al prezzio già molto basso applicato da Gabriele, il gruppo godrà di un 10% di sconto rispetto al prezzo già ottimo praticato nel negozio Ebay di Gabriele. A questo si aggiungerà uno sconto extra comunicato via email agli iscritti al gruppo con la seconda comunicazione e relativo listino prezzi.

8) Posso scaricare il costo di acquisto della batteria al litio?

Sì, il che – se hai un’attività o il mezzo intestato alla tua società – rende l’operazione ancora più vantaggiosa!

9) Chi cavolo è Gabriele? 

A parte che avrai modo di conoscerlo nella video intervista, ti anticipo che si tratta di una brava persona, con cui ho parlato più volte al telefono, uno che crede molto in queste “nuove” tecnologie (nuove purtroppo solo per il nostro paese) e che da tre anni vende batterie al litio con il sistema del drop shipping soprattutto in Francia e Germania (poco in Italia, tanto per cambiare…). A breve Gabriele dovrebbe passare dal dropshipping al magazzino in Italia, con tutte le conseguenze positive del caso.

10) Ma tu, perché lo fai?

Bella domanda! Ho lanciato l’idea, e come spesso succede si è aperto un mondo. Se proprio vuoi saperlo ho un progetto che mi frulla in mente che avrà come tema principe l’energia. Non mi va di svelarti nulla, anche perché sono ancora in alto mare. Diciamo che le batterie al litio saranno protagoniste di questa avventura, e per ovvie ragioni il rapporto con Gabriele è fondamentale. Aggiungi valutazioni etiche, ambientali e sociali che ormai avrai capito o quantomeno intuito leggendo questa pagina.

Bene, dal form qui sotto potrai commentare i contenuti della pagina senza per forza che il commento venga mostrato. Specificalo (solo se NON lo vuoi condividere) al momento di scrivere. Grazie a tutti e ci aggiorniamo alla prossima email 😉

 


Qui le domande pervenute dai precedenti gruppi di acquisto!

Da: Francesco G.
Oggetto: Compatibilità impianto
Corpo del messaggio:
Roberto, leggendo sul fatto che l’impianto di serie non è *assolutamente* compatibile, leggendo in rete ho dedotto che in realtà molti hanno fatto il semplice “switch” con le AGM senza problemi. I classici caricabatterie arrivano poco oltre i 14V e quindi sono al di sotto della tensione di ricarica nominale delle LiFePo4. Questo vuol dire che dal punto di vista sicurezza non si dovrebbero correre rischi, ma la curva di ricarica non sarà.. diciamo così.. “ottimale”. Questo perché il prezzo di un inverter è a quanto vedo quasi pari al costo della batteria! Troppo direi. La domanda: esiste la possibilità di mettere un regolatore di tensione (tipo quello dei pannelli) tra il caricabatterie 220 e la LiFePo4? Non so se esiste. In tal caso il caricabatterie 220V sarebbe assimilabile ad un pannello solare e il regolatore gestirebbe la carica della batteria. Ho detto una castroneria? Grazie x l’ottimo lavoro.
Risposta
Ciao Francesco!
Sì confermo, sappiamo anche noi di persone che hanno switcciato senza problemi mantenendo lo stesso impianto, ma non è una soluzione che mi sento di consigliare, perché la diversità di apparecchi di ricarica in circolazione, l’età dei mezzi e tutta una serie di variabili mi fanno temere che magari il sistema funzione dieci volte, ma all’undicesima succede il patatrack. Segnalerò comunque l’opzione pubblicando il tuo commento in fondo al testo, in linea di massima diciamo che eviterei, ognuno poi farà come crede. Per quanto riguarda il regolatore di carica sì, ne esistono dedicati alle LiFePo4, questo è quello individuato fra i tanti, disponibile con il gruppo di acquisto di pannelli solari e regolatore Gioco Solutions. In ogni caso considera che l’inverter toroidale ibrido lo abbiamo scoperto da poco e non ancora testato, quindi non escludo ce ne possano essere di più economici. Vedremo, è una storia tutta da scrivere!
Se hai altre domande sono qui 🙂

Da: Donatello
Oggetto: prezzo
Corpo del messaggio:
LiFePO4 12V 100Ah Lithium-Iron-Phosphate Battery Pack solar system batteria +BMS
Questo e’ il titolo di un annuncio di Ebay. Riusciranno ad essere piu’ economiche? Mi sembrano le stesse della foto sopra

Risposta

Ciao! Sono Roberto di In viaggio con Ermanno. Se intendi questa ad esempio ===> https://www.ebay.it/itm/LiFePO4-12V-100Ah-Lithium-Iron-Phosphate-Battery-Pack-solar-system-batteria-BMS-/273165889098
Sì il prezzo sarà più basso di ALMENO 50 euro. Dipende quanti siamo, di certo più aumentano gli ah più alto è il risparmio 🙂
A presto!
Roberto

Da: Giuseppe
Oggetto: Inverter
Corpo del messaggio:
Sono interessato all’acquisto della batteria al litio, però dato che uso molto il camper in inverno e perciò anche se ho un pannello solare sul tetto, la batteria si ricarica poco e niente, praticamente dovrei sostituire anche l’attuale caricabatterie della batteria servizi, penso che nella mia situazione potrebbero esserci anche altri camperisti, perché non trovare il modo di risparmiare anche sul caricabatterie toroidale?
Grazie

Risposta

Salve Giuseppe,
sono Roberto di In viaggio con Ermanno, per quanto riguarda l’inverter caricabatterie sì, potremmo provare a contattare il venditore per chiedere uno sconto, una cosa alla volta 🙂 Vedremo piano piano di arrivare a un kit “chiavi in mano” con tutte le componenti, al momento vediamo l’adesione al gruppo di acquisto delle batterie al litio, e intanto ci informiamo per il resto! Vi aggiorno prima possibile, grazie intanto.
Roberto

Da: Matteo
Oggetto: Iscrizione Gas + info
Corpo del messaggio:
Buongiorno, per prima cosa ti pregherei di aggiungermi al secondo gas.
Ho alcune domande:
L’inverter Toroidale serve solo per ricaricare la batteria litio da torretta o è indispensabile anche solo per dare corrente al 220 del camper da torretta?
Seconda domanda: posso lasciare la AGM che attualmente ho ed aggiungere una litio alimentata solo da pannello solare? In questo caso necessiterei lo stesso dell’inverter Toroidale? le 2 batterie come sono collegate tra loro? In parallelo ?
Scusa per le tante domande. Grazie dell’attenzione. Matteo
Risposta
Ciao Matteo,
sono Roberto per il gruppo di acquisto, scusa il ritardo ma sono giorni frenetici tanto per cambiare. Allora, cerco di rispondere alle varie domande: l’inverter toroidale permette di gestire una ricarica da torretta compatibile con le batterie al litio, se poi vuoi lasciare l’impianto originale sai che la torretta ricaricherà solo le AGM, forse anche quelle al litio (qualcuno ha fatto uno switch tale e quale senza grossi problemi, come il signor Ezio dell’articolo del mio blog di cui ho riportato la testimonianza). Bisogna fare i propri test e capire se e come funziona, quindi il mio consiglio è quello di montare prima le batterie al litio e poi casomai ordinare l’inverter. Utilizzerei l’inveter toroidale se fai molta sosta in campeggio o aree di sosta e pensi di installare due batterie al litio. Se invece come leggo sei orientato per l’affiancamento di una prima batteria al litio (farò così anch’io), anche qui si può fare, purché tu utilizzi il regolatore di carica indicato nell’articolo sulle possibili configurazioni dell’impianto al litio (o anche nell’email del gruppo di acquisto), che essendo dual system può gestire batterie con tecnologie differenti. In questo caso NON necessiti dell’inverter toroidale se parliamo della sola ricarica da pannello solare. Per il collegamento fra le due batterie puoi metterle in serie o in parallelo, come preferisci, per la serie puoi collegare al massimo 4 batterie fino a 48 volt (perché a 60 il BMS “stacca”). Per il parallelo puoi collegare fino a 10 batterie.
Se hai altre domande non esitare, spero di esserti stato d’aiuto.
Buon week end e al prossimo gruppo allora!

Roberto

Da: Simone

Oggetto: batteria al litio per il camper e componenti collegati

Ciao con questa email esprimo la mia volontà di essere iscritto di nuovo al prossimo gruppo di batterie al litio o di kit e prodotti per la ricarica delle stesse o di entrambi.

Sarei interessato a fare anch’io il cambio batteria, visto che sopra al camper (furgonato) ho una al piombo classica. Non avendo ancora il pannello solare, mi piacerebbe comunque che l’alternatore del camper continuasse ancora a caricare la batteria al litio, in quanto nei viaggi mi sposto frequentemente, mentre nel periodo in cui non uso il camper, esso sta dentro un garage dove appunto il sole non arriva!

Ora come ora è tardi per aderire al primo gruppo di acquisto, sia per la batteria al litio che ad un eventuale inverter e pannello solare, quindi aspetterei senza problemi per un futuro secondo gruppo.

Grazie e buonaserata!

Simone (VR)

Risposta

Ciao Simone,
per la ricarica da alternatore la soluzione si chiama “battery to battery charger”, un prodotto della Sterling Power che forse riusciremo a inserire nei prossimi gruppi di acquisto in sconto. In pratica con questo dispositivo la carica in eccesso passa dalla batteria motore (ricaricata in marcia come sai dall’alternatore) alla LiFePo4, in modo perfettamente coerente con i valori settati e l’amperaggio massimo tollerato dal BMS (nel caso delle nostre batterie 50 ampere). Trovi maggiori info nell’articolo sulle 3 possibili configurazioni dell’impianto.
A presto allora e buona continuazione!
Roberto

 

 

 

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

La gallery di viaggi con il mitico Ermanno

Su Instagram puoi seguire in tempo reale le avventure del nostro travel blog e i viaggi a bordo del minivan fiat 238 "Ermanno". Nel febbraio del 2015 abbiamo acquistato questo piccolo camper e piano piano lo stiamo rimettendo a nuovo. Da allora siamo già stati in Puglia, Cadore, Napoli e Slovenia, in futuro progettiamo di viaggiare nel resto del mondo e raggiungere Capo Nord, l'Islanda, il Sud Africa, Mosca, Pechino, la Terra del Fuoco... Se anche tu sei sulla stessa lunghezza d'onda e ti piace l'avventura, non ti resta che salire a bordo. Si parte verso l'infinito e oltre!

Seguici su Instagram